domenica 27 febbraio 2011

Eau de Lola

Amici carissimi, Mi pregio di essermi messa in affari!

Voi lo sapete: campare con la pensione minima non è molto bello e io sono stanca di andare avanti con i soliti stratagemmi per arrivare a fine mese.
Capitano PriviteraL’è che fino a quando c’era il capitano Privitera al mio fianco mi bastava aspettare che si addormentasse per sgraffignargli qualche centinaio di euro dal portafogli, ma da quando la buonanima è venuta a mancare e sono rimasta felicemente vedova, sotto il profilo economico è un vero guazzabuglio, specialmente coi prezzi dei grappini al bar che oggigiorno non si possono più comprare e non mi fanno più credito.

E allora ho pensato di buttarmi nel commercio, ordunque è con immenso piacere che ho lanciato la mia linea di profumi.

chanel_n5 copia

Beschamelle n°5 ha un aroma pregevolissimo a tratti fruttato lievemente acidulo con note agrumate di rosmarino e pepe rosa, ma soprattutto con quel meraviglioso profumo di besciamella eucaliptola che non guasta mai.
mia nipote PitufaE soprattutto, amici degli animali, nessun test sui nostri cari batuffoli a quattro zampe è stato effettuato.
Difatti, non avendo gatti a portata di mano, l’ho sperimentato subito su mia nipote Pitufa, spruzzandogliene una abbondante dose proprio sulla faccia (se avesse chiuso gli occhi forse non sarebbe rimasta cieca per le tre ore consecutive ma oramai è tardi per pianger sul latte versato).

Poi Pitufa è andata in discoteca coi suoi amici (strano a dirsi, ha degli amici anche lei) ed ecco i loro commenti sul suo nuovo profumo:

34% Ti sei messa a fumare il sigaro adesso?
29% Hai confuso l’insetticida col deodorante?
23% Ti è morto il gatto, Pitufa?
12% Smettila di fare le puzzette!
  2% Non sa/Non risponde/Sviene

Beshamelle N°5Beshamelle N°5
Vedete, gioie care?
Grazie a Beschamelle n°5 non passerete inosservate!
Cosa aspettate? Ordinatene una cassa intiera contattandomi in privato! Per voi al prezzo promozionale di 129 euri a flaconcino più spese di spedizione.
E per ogni acquisto in omaggio una simpatica molletta da bucato.
molletta_thumb[7]
Collezionale tutte!


ATTENZIONE!!!

- Evitare il contatto con gli occhi e con la cute lesa.
- Non spruzzare direttamente sulla pelle. Provare prima il prodotto in un angolo nascosto, può macchiare la pelle.
- Test effettuati su Pitufa hanno dimostrato la tossicità del prodotto. In caso di ingestione involontaria contattare immediatamente il medico o recarsi al più vicino pronto soccorso.
- Può causare impotenza irreversibile.
- Dopo aver utilizzato il prodotto areare abbondantemente il locale e non accedere per le successive sei-otto ore.
-
Nonna Lola e il Lola Market declinano ogni responsabilità sugli effetti collaterali derivanti da un uso, proprio o improprio del prodotto.
- Non rilascia formaldeide.
- In caso di vertenza giuridica competente è il tribunale di Forum.

Discintamente Vostra,
Nonna Lola

mercoledì 23 febbraio 2011

Io, Nonna Lola

Gioie care, da quando mia nipote Pitufa mi ha convinto a registrarmi su Faeis Book, mi sono fatta un sacco di amici e capita spesso che molte persone mi chiedano chi sia io in realtà, pensando a volte addirittura ad un personaggio di fantasia, parto della mente di qualcuno (che assurdità!).
Ecco perché ho deciso di raccontarvi la storia della mia vita, cosicché vi rendiate conto che io sono una vecchina come se ne possono incontrare ovunque in giro per il mondo.

Mi chiamo Nonna Lola Marrone (Marrone è un cognome d'arte) e mi pregio di essere nata in Sicilia,  il 13 marzo del 1923. Un'ottima annata per il grappino.
Sono una nonnina fortunatissima, difatti nacqui come si suol dire con la camicia.
Si trattava di una camicia Emporio Armani e non è da tutte, non credete?

Provengo da una povera famiglia di coltivatori di carrube e sono stata costretta a lavorare di giorno e studiare la sera, finché mi diplomai presso Scuola Radio Elettra, di cui sono poi diventata preside nella sede distaccata di Abbiategrasso.

Nella mia vita mi pregio di aver svolto diverse professioni: mondina nelle risaie in pianura padana, segretaria particolare del primo ministro britannico, massaggiatrice sexy, camionista della Galbani (che vuol dire fiducia) in Calabria, danzatrice del ventre, governante a Windsor per il piccolo Carlo d'Inghilterra, ballerina di can-can al Mulenruj di Parigi, controfigura di Xena la principessa guerriera, trapiantatrice di capelli presso il centro "Cesare Ragazzi", spia russa del KGB, consulente sanitaria per la dottoressa Tirone, attrice di film scollacciati, cantante lirica, chiromante e paragnosta, domatrice di leoni presso il circo Togni, amministratrice di condominio truffaldina, guardia svizzera in Vaticano, acchiappafantasmi,  
falsificatrice di dipinti
, operatrice call center di quella santa donna di Wanna Marchi, croupier al casinò di Montecarlo, venditrice porta a porta di tappeti orientali, investigatrice privata (mansione che tuttora svolgo saltuariamente di tanto in tanto tanto per ingannare il tempo).

Ma per me è stato facile svolgere mansioni così diverse tra loro, giacché, a differenza dei comuni esseri umani, io mi pregio di essere nata imparata.

Gioie care, adesso devo andare che mi si brucia la besciamella sul fuoco ma vi prometto che la prossima volta vi narrerò ancora le mie pregevoli gesta!

Discintamente Vostra,
Nonna Lola

mercoledì 16 febbraio 2011

Prima Serata Sanremese

Gioie care, ieri sera è stata una serata emozionante.

Ho aperto io il festivàl: ero seduta sugli scalini con mia nipote Pitufa e le raccontavo di quando l’abbandonai all’IKEA con la scusa di averla persa nella confusione
Ho aperto io il festivàl: ero seduta sugli scalini con mia nipote Pitufa e le raccontavo di quando l’abbandonai all’IKEA con la scusa di averla persa nella confusione.
Poi è arrivato Gianni Morandi che mi ha chiesto qualche consiglio sulla conduzione. E io gli ho detto: lascia perdere, gioia. fai condurre me che è meglio.

Ma ecco i momenti più pregevoli della serata di ieri:

Sanremo2011_Anna-Tatangelo_primaserata1) Anna Tatangelo che, dopo aver litigato col parrucchiere, si presenta sul palco con un taglio orrendo. E insulta Gigi D'Alessio dandogli del bastardo.

 

2) Anna Oxa che si presenta senza pantaloni e con le gambe non depilate.
Ecco il testo della sua canzone:
“aaaahahaha ooooghhohohhoh ahahahaaaha emozioneaaaaaiaaiaiahah ooooohh aahaahahah”

tricarico01gra3) Francesco Tricarico (che secondo me è imparentato col dottor house) che aveva dimenticato di comporre una canzone per il festival e, giunto sul palco, decide di improvvisare inventando il testo lì per lì.

4) Luca e Paolo che abbassano la temperatura dell’Ariston facendo scendere il gelo in platea con le loro battute su quell’anima pia di Berlusconi (se la prendono sempre coi più deboli!)

max-pezzali5) Max Pezzali che si presenta con la stessa canzone di 12 anni fa ma nessuno se ne accorge. Da notare la giacca che indossava, rubata a un barbone addormentato alla Stazione Termini.
Tra l’altro Max Pezzali è l’unico cantante italiano che potrebbe partecipare a un film di Dario Argento senza usare il trucco di Sergio Stivaletti.

Alla fine sono state eliminate quelle povere gioie della Tatangelo e della Oxa. Ci ho messo io una buona parola, non ringraziatemi.

Ci vediamo questa sera al dopofestival, gioie!

domenica 13 febbraio 2011

Benvenuti a Sanremo!

Finalmente ci siamo miei cari piccoli fans!
Anche quest’anno ritorna la kermesse sanremese (come dicono i discografici più smaliziati) e io, assieme a mia nipote Pitufa, conduco ancora una volta il dopofestival.
speciale sanremo

Devo ringraziare per questo il caro Gianni Morandi del quale mi pregio di essere stata la talent scout nonché balia asciutta durante la sua tormentata infanzia (un giorno forse ve ne parlerò). Quanto mi voleva bene il piccolo Gianni! Semmai ero io che non lo sopportavo: con quelle manazze giganti infatti non faceva che pasticci! Ma forse non dovevo tenerle così tanto sotto il ferro da stiro a carbone, un po’ è colpa mia, l’è che forse un po’ ho esagerato quella volta. Ma faceva i capricci.

nonna lola e morandi 1
Comunque, io sto alloggiando nella suite imperiale del Grand Hotel. La stanza era riservata alla Belèn ma io l’ho convinta (dopo una piccola, innocua, spintarella giù dalle scale) a far a cambio con me e ad andare a dormire nella doppia insieme a mia nipote Pitufa che russa terribilmente. Ma sono sicura che Pitufa si adatterà.
Oggi non vi parlo di cantanti, quelli arrivano domani. Oggi vi dico solo che mi sono già infilata in valigia tutti gli asciugamani, i posacenere, le lampadine e le batterie del telecomando che ho trovato in camera, giacché lo sapete: una povera vecchina come me deve fare economia come può.
L’unico problema è il frigobar, quello è sotto controllo e se prendo una cosa poi mi tocca pagarla.
Per fortuna mi sono fatta un calco di gesso della chiave della camera della Canalis e le ho già svuotato il frigobar tre volte.
Tanto quando se ne accorgerà io sarò già lontana!
A domani, gioie, con il resoconto del festivàl!

Si è verificato un errore nel gadget

Nonna Lola

Post più popolari